Raggiolo 2015 – Fèlsina

il

Raggiolo 2015
(Felsina, Toscana)

Pure colline chiudevano d’intorno
marina e case; ulivi le vestivano
qua e là disseminati come greggi,
o tenui come il fumo di un casale
che veleggi
la faccia candente del cielo.
Tra macchie di vigneti e di pinete,
petraie si scorgevano
calve e gibbosi dorsi
di collinette: un uomo
che là passasse ritto s’un muletto
nell’azzurro lavato era stampato
per sempre – e nel ricordo
Eugenio Montale

Posizionata tra le ultime propaggini dei monti del Chianti e la parte iniziale della valle dell’Ombrone, Fèlsina si sviluppa su un’estensione di circa 600 Ha di cui 95 coltivati a vigna. Fèlsina si presenta come “terra di frontiera” tra Chianti Classico e Crete Senesi, in direzione di Montalcino. Domenico Poggiali nel 1966 acquistò i terreni, con annessa l’antica cantina di sasso della Villa (piccola, con la larga volta in mattoni e incastonata nel tufo), dove oggi sorge l’azienda Fèlsina. Si accorse immediatamente che il territorio aveva delle potenzialità inimmaginabili, e così insieme al figlio Giuseppe iniziò l’espansione dei vigneti e l’ampliamento della cantina. La sua passione per la caccia, il rispetto degli animali e della natura, hanno favorito l’utilizzo di tecniche di coltivazione biologiche. Il territorio di Fèlsina si sviluppa su 500 ettari, di cui 90 vitati e il restante dedicato agli uliveti, al bosco,  ma anche all’allevamento. Una vera e propria fattoria dove vengono allevati animali da cortile come capre, galline, quaglie, anatre e faraone.

All’interno della tenuta troviamo anche l’orto, Fèlsina dunque non è soltanto una tenuta vinicola ma una vera e propria fattoria dedita a varie attività agricole, di cui la più importante, al pari del vino, è la produzione dell’olio d’oliva. Per riscoprirlo e valorizzarlo i titolari hanno intrappreso il progetto “Olio secondo Veronelli” che vuole far corrispondere, in tutto il territorio nazionale, l’olivo alla sua terra, l’olio all’oliveto da cui ha origine.

raggiolo-olioSeguendo la stessa filosofia del terroir che caratterizza la produzione del vino, sono state identificate tre zone produttive: Fèlsina, Pagliarese e Boschi, a cui corrispondono 3 distinti terroir per ciascuna delle quattro varietà di olive presenti: Pendolino, Leccino, Moraiolo e Raggiolo (o Correggiolo). Le varietà vengono raccolte a mano separatamente, nel momento migliore per ogni cultivar, e se ne estrae solo la polpa. L’olio è mantenuto a una temperatura costante in recipienti d’acciaio inossidabile, senza contatto con l’aria, e imbottigliato sotto vuoto al momento dell’ordine. Il risultato è un olio unico e identificabile, che rispetta le caratteristiche di ciascuna varietà di oliva.

Il Raggiolo 2015 è ottenuto da sole olive raggiolo denocciolate. Il Raggiolo è un’antica varietà Toscana tra le più diffuse nella regione. Pianta vigorosa con portamento espanso, frutto di forma ellissoidale allungata. Ha una maturazione tardiva e scalare.
Presenta un colore verde smeraldo. Al naso sentori di pomodoro, banana, carciofo e salvia. Al palato mandorla tostata, pepe nero, pomodoro, con un buon equilibrio di amaro e piccante. Olio molto fine, equilibrato e persistente. Ideale con zuppe o carpacci di carne.

Valutabile 86/100.
Costo 25,00 euro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...