Zuppa di cipolle di Giarratana

fagone.cipolledigiarratanaDurante un tour nel barocco siciliano ci imbattiamo in un prodotto tipico della zona, ovvero le cipolle di Giarratana, che si possono acquistare anche per strada dai venditori ambulanti. Si tratta di una varietà di cipolla, dolce e dalle dimensioni considerevoli, con bulbi dalla forma schiacciata e tunica di colore bianco-brunastro, coltivata nel territorio del comune di Giarratana, negli Iblei. È un prodotto tipico siciliano dal particolare gusto dolce e mai pungente, che è stato inserito nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T) ed è un presidio Slow Food. La cipolla di Giarratana è al centro di una sagra annuale che si tiene a metà agosto, in occasione della festa di San Bartolo, ovviamente a Giarratana.

Al ritorno a casa decido dunque di preparare un’ottima zuppa con questo tipo di cipolle. Si tratta di un piatto tipico della cucina francese, la soupe à l’oignon, anche se è presente in molte cucine nazionali. Le sue origini sono piuttosto antiche risalgono infatti all’antica Roma, ma la versione moderna, a base di brodo di carne e contornata di crostini di pane, in realtà è stata elaborata nel XVIII secolo in Francia.

Ingredienti
2 cipolle di Giarratana
100 gr di gruviera
1 tazza di brodo
olio evo q.b.
50 gr di burro
sale e pepe
crostini

Procedimento
Sbucciare le cipolle, lavare e affettare sottilmente. Mettere in un tegame un po’ d’olio evo e il burro ed unire le cipolle. Mescolare bene, coprire col coperchio e lasciare stufare a fiamma dolce per 15 minuti circa, finché non risulteranno morbide. Dopodiché unire una tazza di brodo, meglio se di carne (ma se non ne avete e solo in caso d’emergenza potete anche utilizzare del dado di carne o vegetale). Aggiustare di sale e continuare la cottura senza coperchio fino a quando il brodo non si sarà asciugato. Intanto grattugiare il gruviera (può andar bene anche della fontina o dell’emmenthal) con una grattugia a fori grandi in modo che risulti a striscioline. Unirlo alla zuppa, amalgamare e spolverare un po’ di pepe. Se volete, potete porzionare la zuppa in delle ciotole di coccio, ricoprire la zuppa col gruviera e passarle rapidamente in forno per una gratinata.

Servire con dei crostini caldi di pane.

Vino in abbinamento: Grecanico Costadune

Annunci

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. cucinavitali ha detto:

    Io ho mangiato la zuppa di cipolle proprio in Francia e mi è piaciuta molto. Anche questa con questa varietà tipica sembra molto invitante!

    Mi piace

    1. Uva e Pomodoro ha detto:

      Ti assicuro che è molto buona. Provala e fammi sapere!

      Liked by 1 persona

      1. cucinavitali ha detto:

        Proverò, però devo trovare delle buone cipolle, magari in qualche buon mercato, tipo quello il Mercato della Terra a Milano.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...