Riso Venere ai Frutti di mare

Il riso Venere è una varietà di riso ibrida, ottenuta dall’uomo grazie all’incrocio di una varietà di riso nero asiatico e una varietà di riso della pianura Padana. I progenitori del riso Venere sono nativi della Cina, dove, fino al XIX secolo, venivano coltivati esclusivamente come cibo destinato all’alimentazione dell’imperatore e della corte reale, poiché la coltivazione era troppo costosa e poco produttiva. Per questo motivo era chiamato con il sinonimo di “riso proibito”.
Com’è deducibile, il nome “Venere” si ricollega al simbolismo mitologico; per la precisione, fa riferimento alla Dea Romana dell’amore, della bellezza e della fertilità. Tale analogia è giustificabile dal fatto che, in passato, il riso nero era considerato un potente afrodisiaco. Esso presenta un chicco allungato del colore dell’ebano e dall’aroma intenso di pane appena sfornato (una volta cotto). Tra le proprietà spiccano quelle antiossidanti e antitumorali, proprie degli alimenti di colore rosso, blu, come fragole, lamponi, vino rosso…

Ingredienti per 4 persone:

350 gr di riso venere
2 pesci da brodo ( consigliati gallinella e scorfano)
400 gr di cozze
400 gr di vongole
400 gr di gamberi
2 pomodori maturi
4 spicchi d’aglio
1 carota
1 gambo di sedano
1 pizzico di concentrato di pomodoro
spezie (cannella, chiodi di garofano, bacche di ginepro, noce moscata, coriandolo)
prezzemolo
olio evo
sale e pepe

2016-07-12 22.38.27

Procedimento

Pulire il pesce, le cozze, le vongole e sgusciare i gamberi, lasciandone qualcuno con la testa. Mettere da parte le teste dei gamberi e dei pesci. Tritare l’aglio, la carota e il sedano e mettere in una pentola abbastanza capiente per poi farvi il brodo di pesce. Pelare i pomodori e tagliarli a pezzetti piccoli. Soffriggere il trito di aglio, carota e sedano con un po’ di olio evo. Aggiungere il pomodoro e lasciare cucinare per qualche minuto, rigirando spesso. Unire le vongole e le cozze già pulite e coprire col coperchio per far aprire i gusci. Dopodiché sfumare con un po’ di vino bianco e lasciare evaporare. Togliere le vongole e le cozze dalla pentola ed eliminare i gusci (lasciandone alcune intere per guarnire il piatto). Rimettere la pentola sul fuoco aggiungendo nella stessa altra acqua per fare il brodo. Unire le spezie e portare a bollore. Aggiungere le teste dei pesci e dei gamberi e un po’ di concentrato di pomodoro. Dopo 15 minuti unire i pesci e lasciare cucinare per 10 minuti circa. Assaggiare ed aggiustare di sale e pepe. Togliete i pesci, deliscateli e mettete da parte. In una padella mettere un filo d’olio e saltare i gamberi, spolverare con un po’ di sale e pepe e mettere da parte. Nella stessa padella tostare il riso venere. Aggiungere il brodo filtrato e mescolare spesso fino a cottura ultimata. Unire la polpa dei pesci, le vongole e le cozze senza le conchiglie e i gamberi. Impiattare a piacimento e decorare con prezzemolo, cozze e vongole con le conchiglie e un gambero intero.

Come suggerimento di presentazione del piatto vi proponiamo di porzionare il riso con un coppa pasta, guarnendo il piatto con i frutti di mare, oppure di creare un vulcano di riso nero nel cui cratere fumante potrete posizionare i crostacei.

Vino da abbinare Urra di Mare 2015 di Mandrarossa.

Annunci

Un commento Aggiungi il tuo

  1. cucinavitali ha detto:

    Buono questo riso, a me piace molto il riso venere e lo uso molto!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...